Progetto Malnutrizione/HIV: Rapporto apr/giu 2009

La Coordinatrice medica Josephine MUHAKAZI ci ha inviato il “Rapport trimestrale d’activites periode d’Avrile-Juin 2009”,  che è possibile scaricare per intero nella traduzione italiana curata dallo “Studio Linguistico della dott.ssa Pascucci Elena”.

Riportiamo qui di seguito alcuni brani del Rapporto:
“”Alla conclusione dei 4 trimestri della prima fase (Aprile 2008-Marzo 2009), la seconda fase è iniziata con delle attività abituali, e precisamente:
1.    Assistenza alimentare
2.    Assistenza scolastica
3.    Sorveglianza sullo stato di salute dei bambini
4.    Sostegno psico-sociale
5.    Andamento tecnico
1.Assistenza alimentare.
Si è provveduto alla distribuzione degli alimenti e cioè:
Riso: kg. 10/pers/trim
Fagioli: kg. 6/pers/trim
Sosoma: kg. 6/pers/trim
Farina di mais: kg. 5/pers/trim
Olio vegetale: lt 4/pers/trim
2.Andamento scolastico.
Si è provveduto alla distribuzione della attrezzatura scolastica:
Uniformi: n. 1/pers/trim
Zaino: n. 1/pers/trim
Maglie: n. 1/pers/trim
Vasellina: n. 1/pers/trim
Saponi: n. 6/pers/trim
L’assistenza scolastica fornita dal Progetto permette ai bambini di sentirsi più a loro agio durante gli studi. Infatti, beneficiando di tutta l’attrezzatura necessaria per la scuola e degli incoraggiamenti dei responsabili del progetto, i bambini sono determinati a proseguire normalmente i loro studi perché non hanno più paura di essere rimandati per mancanza di uniformi, di quaderni, ecc.…Molte testimonianze dei genitori e dei bambini stessi l’hanno sufficientemente sottolineato.
3.Sorveglianza sullo stato di salute dei bambini.
Questa sorveglianza si esercita in generale nei centri sanitari, dove un’assistente sociale segue regolarmente lo stato dei bambini assistiti dal Progetto. Poiché il titolare del Centro sanitario è il primo responsabile del progetto nella zona, i bambini ottengono facilmente le cure di cui hanno bisogno.
4.Sostegno psico-sociale
La cerimonia di convivialità è stata organizzata il 27/4/2009 con l’intento di radunare tutti i bambini aiutati dall’Associazione POZZO DI GIACOBBE per far conoscere loro la delegazione dei loro benefattori. (Lo svolgimento di questa giornata si trova in allegato).
5.Andamento tecnico
Per avere delle informazioni più complete sui beneficiari, il coordinamento medico ha deciso d’introdurre nel modulo firmato dai beneficiari, oltre ai CD4 e al peso, l’altezza del bambino. Questo permetterà di osservare regolarmente se il bambino cresce normalmente.
Comunque, i punti ottenuti in ogni trimestre dell’anno scolastico saranno ugualmente riportati sul modulo, così sarà più facile avere una situazione dell’andamento scolastico.
I titolari dei Centri Sanitari sono stati esortati ad inviare tempestivamente i documenti necessari dopo la distribuzione per permettere al coordinamento medico di fare il proprio rapporto e di inviarlo agli interessati nei termini previsti.
Conclusioni
Grazie all’assistenza alimentare, scolastica e medica regolare e efficace, i bambini beneficiari del Progetto POZZO DI GIACOBBE si sentono più sicuri fisicamente e moralmente, con grande gioia dei genitori e di tutti quelli che se ne occupano.Rassicurati dalla visita dei membri dell’Associazione PDG che hanno garantito loro il proseguimento del Progetto, vedono il loro futuro con grande ottimismo.
La CARITAS KIGALI rinnova i suoi ringraziamenti a tutti i membri dell’Associazione POZZO DI GIACOBBE che, grazie al loro benefico intervento, la aiuta a compiere la sua missione di andare in soccorso dei bisognosi.””
Rendiconto finanziario del trimestre aprile/giugno 2009 (scarica documento)

>L’IMPEGNO DELLA ASSOCIAZIONE DI REPERIRE I FINANZIAMENTI PER LA  PROSECUZIONE DEL PROGETTO E’ STATO RECEPITO DALLE PERSONE ASSISTITE COME UNA GARANZIA AL SUO PROSEGUIMENTO.
Questa aspirazione delle persone assistite al proseguimento del progetto – più che giustificata – è una loro grande speranza, ma può portarle a una forte delusione con gravi ripercussioni sul loro stato di salute.
L’ASSOCIAZIONE E’ IMPEGNATA DA DIVERSO TEMPO NEL REPERIMENTO DEI FONDI NECESSARI (CIRCA €. 45.000,00  PER OGNI ANNO), MA A TUTT’OGGI TALE RICERCA NON HA AVUTO RISPOSTE POSITIVE.

Return and stick it minutes rinse and keep break pharmacyinca.com I honest you them been grew that feels months…

Questa voce è stata pubblicata in Comunicazioni. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Progetto Malnutrizione/HIV: Rapporto apr/giu 2009

  1. simonetta furlani scrive:

    come si era già parlato non sono contraria a una richiesta, anche sostenuta, a coloro che si reputano soci e vogliono condividere in pienezza i pani e i pesci.

I commenti sono chiusi.